FRA NAZARENO DA PULA

Santuario Nostra Signora della Consolazione
Convento Frati Cappuccini di Pula

CENACOLO MARIANO


Ogni primo sabato del mese dopo la Santa Messa Vespertina ci sarà il Cenacolo Mariano con la Madonna di Fatima.

La nascita del MSM “Movimento Sacerdotale Mariano” è attribuita a Don Stefano Gobbi quando nel 1972 prese parte ad un pellegrinaggio a Fatima e si mise a pregare nella Cappellina delle Apparizioni per alcuni sacerdoti traditori della loro vocazione.

In questa precisa situazione, il Sacerdote avrebbe sentito dentro di se una ispirazione proveniente dalla Madonna stessa, che lo invitò a diventare un umile e povero strumento portatore del suo amore per riunire tutti i sacerdoti che si erano consacrati al suo Cuore Immacolato come devozione cattolica.

Sempre nello stesso mese di Maggio, Don Gobbi chiese interiormente a Maria di avere un piccolo segnale di conferma ed Ella glielo diede nel santuario dell’Annunciazione di Nazareth.

Nell’Ottobre delle stesso anno ci fu il primo incontro di preghiera tra tre sacerdoti di un parrocchia di Como e ben presto le adesioni aumentarono fino ad arrivare, un anno dopo la fondazione, al primo raduno nazionale con la partecipazione di venticinque membri su ottanta in totale.

Nel 1974 nacquero i primi Cenacoli di preghiera e di fraternità, ovvero momenti di unione tra i sacerdoti stessi e i fedeli.

Attualmente questo Movimento è presente in tutte le Nazioni dei cinque Continenti con i Responsabili di ogni nazione che seguono la formazione dei Cenacoli, raccogliendo le adesioni.

I momenti di meditazione e di ispirazioni che Don Gobbi ha avuto nel corso delle sue preghiere per volere della Madonna sono definite “Locuzioni interiori” secondo la teologia cristiana e sono riportate nel libro “Ai Sacerdoti, figli prediletti della Madonna”.

I punti cardini della spiritualità del Movimento Sacerdotale Mariano sono tre e vengono rappresentati dalla consacrazione al Cuore Immacolato di Maria da parte dei sacerdoti, dall’unità al Papa ed alla Chiesa a Lui unita e infine dall’avvicinamento dei fedeli verso una devozione mariana.

Torna su